Recensione Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare

Con la recensione di Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare inizieremo a parlare di questo grande scrittore che ha fatto la storia della letteratura. Se volete leggere una storia d’amore e perfidia, ma anche con uno spunto comico questa commedia teatrale fa proprio al caso vostro.

Recensione Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare

Titolo: Sogno di una notte di mezza estate Link Amazon
Titolo originale: A Midsummer Night Dream
Autore: William Shakespeare Editore: La Feltrinelli
Data uscita: 5 giugno 2013 Pagine: 224
Narrazione: Prima persona
Finale: conclusivo

Sinossi

Agostino Lombardo prima di morire stava lavorando alla traduzione del “Sogno di una notte di mezza estate”, ma non ha potuto portare a termine l’opera. Nadia Fusini, che in passato era stata sua allieva, riprende la traduzione dove il suo maestro l’ha interrotta. Il risultato è nel dramma che sa unire in felice miscela il mondo classico e quello nordico fiabesco, le allegorie rinascimentali, i romanzi cavallereschi, la tradizione greco-latina, in una vicenda dove diversi fili si intrecciano: la commedia degli equivoci con gli amori incrociati, la recita degli attori-artigiani che rappresentano l’opera nell’opera.

Recensione di Ines

Ho iniziato a leggere e fare la recensione di Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare, questa prima commedia, perché è una traccia annuale in una book Challenge alla quale partecipo e il libro l’ho divorato. Mi sono fatta trascinare dall’irruenza amorosa di Lisandro e Demetrio. Mi sono trovata a  sorridere per i pasticci combinati da Puck. Ho maledetto Oberon che inganna Titania. Ho tifato per Ermia ed Elena ed ho invocato la giustizia per i loro amori contrastati. Insomma posso dire che mi ha regalato momenti di vera e purissima emozione.   

“A cose basse e vili, senza pregio, può l’amore dar forme nobili e degne: perché l’amore non guarda con gli occhi ma con la fantasia.”  

Ho trovato le atmosfere fiabesche, dove si narra una storia in cui si intrecciano amore, follia, magia, odio e riconciliazione che ti fa evadere un po’ dalla realtà. Quello che questo libro mi ha trasmesso è che l’amore è un bellissimo sentimento che, però, incontra spesso degli ostacoli ma che anche con difficoltà si cerca di trovare una soluzione per risolvere il problema.    

“… E quando pur vi sia stata fra i due perfetta intesa nella mutua scelta, o guerra o morte, o altra traversia han sempre cinto d’assedio l’amore, sì da ridurlo aereo come un suono, fugace come un’ombra, labile, evanescente come un sogno, fulmineo come un baleno notturno che illumina d’un tratto e cielo e terra, e prima che tu possa dire “Guarda!” le mascelle del cielo son richiuse ad inghiottirlo rapide nel buio. Perché con questa subitaneità tutto che al mondo splende, si dilegua.”

Ero partita un po’ scettica nel leggere e fare la recensione di Sogno di una notte di mezza estate di Shakespeare per paura di un linguaggio usato troppo difficile, invece l’ho trovato molto gradevole nella lettura e per nulla difficoltoso. Tutti dovrebbero leggere Shakespeare una volta nella vita per apprezzarne le sfumatura che nel tempo assumono significati sempre nuovi e diversi.  

“Non c’è occhio d’uomo che abbia mai sentito, né orecchio che abbia mai veduto, non c’è mano che abbia mai assaggiato, né lingua che abbia mai toccato, e tanto meno cuore che abbia mai raccontato un sogno come il mio.”

8

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *