REVIEW TOUR RECENSIONE Obsession di Valentina C Brin

Eccoci con il REVIEW TOUR RECENSIONE Obsession di Valentina C Brin. Finalmente è arrivato il tanto atteso giorno dell’uscita della nuova edizione, per Gabry è arrivato il momento d’iniziare questa serie che aveva sempre rimandato. Le aspettative saranno state mantenute?

Titolo: Obsession Link Amazon
Serie: Obsession # 1
Autore: Valentina C. Brin
Editore: Self Publishing
Data Uscita: 7 Ottobre 2020
Pagine: 504
Narrazione: Terza persona
Finale: conclusivo

Serie Obsession:
01. Obsession
1.2. L’uomo di fede
02. Il prezzo della passione
2.1 Possession – Ascesa
2.2. Possession – Rovina
2.3. Possession – Destino
2.4. Possession – Redenzione
2.5. Possession – Legame

Sinossi

Londra, 1715. Quando Eleanor White arriva a Collingwood, sa di non avere scelta. La sua famiglia ha bisogno di soldi e lei deve comportarsi come ci si aspetta da una serva rispettosa e sottomessa. Ma Eleanor è sanguigna. Odia le ingiustizie più di ogni altra cosa e quando si trova davanti al padrone, capisce che non riuscirà a tacere.
Perché il visconte è un uomo abbietto.
Un uomo che strappa l’obbedienza con la violenza.

E lei non può fare a meno di osteggiarlo.
Per il visconte Ashton Spencer, essere temuto è fondamentale. La pistola che tiene in camera da letto è la sua unica amica, il silenzio e l’obbedienza sono tutto ciò che desidera.
Finché Eleanor White non bussa alla sua porta.
Lei è indomita e orgogliosa. Lo disprezza come padrone e come uomo, e Ashton non l’accetta.
Piegarla diventa un’ossessione, ma quando le ruba un bacio, tutto precipita. Perché Eleanor è una donna bellissima e lui si scopre a desiderarla con la stessa intensità con cui vuole sottometterla.
E non potrà essere libero finché non l’avrà avuta.

Recensione di Giulia
Recensione di Gabriella
Recensione di Ines

Recensione di Giulia

Saranno ormai tre o quattro anni che avevo questo libro nella mia lista di libri da leggere ma, per un motivo o per un altro, non mi ero mai decisa a iniziarlo. Poi, qualche tempo fa, ho saputo che Valentina C. Brin lo stava riscrivendo da capo, a quel punto mi sono detta che stavolta dovevo per forza iniziarlo!

Ashton è un aristocratico con un carattere un po’ particolare dovuto al rapporto (o non rapporto) che ha con la sua famiglia. Egli infatti ha deciso di lasciare la casa dei genitori per vivere da solo, circondato solo dai suoi domestici.
Il suo “isolamento” però, verrà disturbato dall’arrivo di una nuova serva: Eleanor. Lei non sopporta i soprusi e gli insulti con cui lui governa Collingwood e, ogni volta che ne ha l’occasione, cerca sempre di rispondergli male o in modo sarcastico, cosa che fa andare Ashton letteralmente ai pazzi.

Come in ogni storia d’amore travagliata che si rispetti, però, ad un certo punto lui si dovrà arrendere ai sentimenti che inizierà a provare per la sua “pezzente”.

“Qualcosa di oscuro si agitò nel petto di Ashton; un peso asfissiante che gli strinse lo stomaco.
Fastidio, ecco cos’era. Profondo e intenso fastidio.
-Daniel…- Silenzio. -Non so proprio cosa dire.-
-Dimmi se mi ami ancora.-
Fu come avere una freccia infilzata nel petto. Una bestia invisibile si agitò dentro di lui e gli piantò le unghie nello stomaco, e Ashton faticò a sentire ciò che proveniva da quella stanza. Ci provò, ma tutto ciò che udì fu il rombo assordante del proprio cuore.”

Per quanto riguarda i personaggi, devo dire che sono impeccabili. I sentimenti contorti di Ashton saranno tali fino a quasi alla fine del libro, non c’è un cambiamento repentino che può sembrare inverosimile per una persona con un carattere del genere. Mentre Eleanor, penso sia una delle protagoniste più coraggiose e tenaci di cui abbia mai letto, mi è piaciuta dall’inizio alla fine, forse anche più di lui.

Non da meno sono i personaggi secondari, Daniel è un così bel personaggio che spero prima o poi di leggerlo in un libro tutto suo e stessa cosa vale per il personaggio di Lady Anna, magari alla fine lui si innamora di lei?

“-Bene,- mormorò, gli occhi taglienti come lame. Le guardò la bocca per alcuni secondi e mentre la fissava, un sentimento caldo e torbido comparve sul suo volto facendosi strada attraverso la rabbia.
Dio, il cuore di Eleaonor! Le balzò in gola e si mise di traverso battendo come un forsennato.
Quello che aveva su di sé era lo sguardo di un uomo furibondo, ma il calore che vi brillava dentro nonostante tutto… oh, quello Eleanor lo conosceva bene. Era lo stesso che gli aveva visto nella vasca. Quello che Lord Spencer aveva ogni volta in cui stava per toccarla.”

Per quanto riguarda la storia, invece, sebbene siano parecchie pagine, non ho mai trovato un momento noioso o ripetitivo, anzi, la Brin riesce davvero a tenerti incollata alle pagine e, spesso, mi sono ritrovata a dovermi staccare per forza dalla lettura.
Già a metà libro succede qualsiasi cosa e ti domandi sempre: E adesso? Come ne usciranno fuori? Insomma, un libro che ti tiene sulle spine proprio fino all’ultima frase.

Devo dire che un po’ mi sono pentita di non averlo letto prima ma, magari, non so se mi sarebbe piaciuto tanto quanto la versione riscritta ora.
È un libro che consiglierei di leggere anche a chi non ama particolarmente gli storici, perché c’è davvero di tutto!
Adesso non vedo l’ora di leggere la novella seguente.

Recensione di Gabriella

REVIEW TOUR RECENSIONE Obsession di Valentina C Brin.
Il visconte Ashton Spencer è un uomo abietto, che non sa cosa significa farsi dire di no, né tanto meno farsi mettere i piedi in testa dagli altri, ma più di tutto odia i servi in quanto ritiene che siano la feccia. Tutto cambia, però, quando nella sua vita arriva lei: Eleonor. Rossa di capelli e di temperamento a mettere a soqquadro la sua vita e a fargli rivedere le sue convinzioni.

Ho aspettato tanto per leggerlo, non mi sono mai decisa a iniziare la prima versione di questo libro. Ho seguito la scrittrice su Facebook e le sue “ire” nei confronti del libro che mi hanno portata sempre di più ad appassionarmi alla storia e a voler aspettare che uscisse questa seconda stesura.
Quando poi ho letto che ricercava blogger disposte a leggere il libro in anteprima, beh, non me lo sono fatta ripetere due volte e mi ci sono fiondata.

“Non poteva permettere che una sguattera lo guardasse in quel modo. Non poteva, non poteva tollerare una scintilla simile in casa sua, perché le scintille volavano. Appiccavano incendi. E se l’incendio fosse scoppiato tra la servitù, sarebbe stata la fine: si sarebbero ribellati a lui uno dopo l’altro.”

Per quanto riguarda i personaggi, sono rimasta piacevolmente colpita. Ashton, meglio conosciuto come “Ashtronzo” (lo è veramente) lo avrei mandato a quel paese non so quante volte, ma colei che mi ha veramente colpita è Eleonor. Forte, fortissima, con un carisma che mette in secondo piano tutti. Una forza d’animo incredibile, in pratica è lei che tiene su tutto e che da’ alla storia quel tocco che assolutamente non doveva mancare.

“Oh, quelle obiezioni! A chiunque sarebbero parse plausibili, ma Ashton non riusciva a ragionare. Non vedeva altro che lei in compagnia dell’uomo che odiava più di ogni altro al mondo.
La gelosia divenne un ronzio insopportabile. S’incastrò nelle orecchie e tutto ciò che Ashton sentì fu un mare di bugie. All’improvviso esisteva solo ciò che aveva visto: lei e Daniel. Quel letto. La solitudine del dormitorio.”

La trama è stata un susseguirsi di avvenimenti che, a tratti, ti fanno sbellicare dalle risate, infatti ho amato i momenti in cui Eleonor ribatteva ad Ashton e come lui ci rimanesse male, a momenti di ansia totale perché non riuscivo a capire come potesse andare avanti la trama. I colpi di scena non sono mai mancati.

“<<Siete pazzo.>>
Oh, era pazzo davvero, Ashton. Era pazzo perché non aveva più controllo. perché non aveva mai voluto nessuno con la stessa intensità con cui desiderava quella donna, e la cosa lo sfiancava più di un assedio.
Infilò le dita tra i suoi capelli e disfece la crocchia. Numerose forcine caddero a terra in un tintinnio e, proprio in quel momento, la sua lucidità andò in frantumi con lo stesso identico rumore.
<<Hai ragione, pezzente: sono pazzo. Tu mi hai fatto impazzire. Sei piombata nel mio rigore e nei miei silenzi e ne hai fatto un campo di battaglia. Sei un’ossessione così dolce da tormentarmi e per me non c’è tregua. Non riesco più a ignorarti.>>”

Non voglio addentrarmi troppo perché rischierei lo spoiler, ma l’unico appunto che posso fare è che ho trovato due punti nella storia che non mi hanno convinta.

Consiglio tantissimo questo libro alle amanti del genere romance storico che sicuramente non rimarranno deluse.

8

Recensione di Ines

Cari lettori, eccomi qui a scrivere la Recensione di Obsession di Valentina C. Brin. Per me è molto difficile dire quello che penso di questo libro visto che ho avuto la fortuna di poterlo leggere in entrambe le versioni.
Sì, ho conosciuto la scrittura di Valentina proprio con la prima edizione di Obsession e me ne sono innamorata; tanto che a qualsiasi uscita di un suo libro mi sono sentita sempre più orgogliosa.

“Scoprì iridi grigie e labbra piene, capelli neri, lineamenti regolari. Un viso colmo di fascino. Una dote che spiccava tanto quanto l’arroganza di cui quell’uomo era dotato.”

Ho avuto modo di vederla crescere libro dopo libro di veder migliorare la sua scrittura e di spiccare così il volo. Quindi capitemi sono un po’ nostalgica perché Ashstronzo è stato il mio primo amore e, come tale, ai miei occhi è sempre stato perfetto. Ci ho messo un bel po’ per leggere la seconda edizione ma solo perché ho voluto leggerla in contemporanea con la prima per riuscire a capire meglio il lavorone che Vale ha fatto.

“Non l’aveva mai visto sorridere. Cielo, non sembrava nemmeno lo stesso uomo che conosceva. Con quell’espressione adulatoria pareva più alto del solito, più imponente e affascinante, persino più bello. Un bellissimo predatore con la faccia da principe. Una parte di sé ne fu turbata.”

Sono riuscita a portare a termine entrambe le letture e devo proprio dirlo: sono come il giorno e la notte. Si denota fin dall’inizio la crescita professionale e stilistica della sua scrittura (nella prima edizione era acerba), la minuziosità dei dettagli e la ricerca che c’è dietro alla storia (questo in entrambi i libri).

“La stava baciando. Buon Dio, Lord Spencer– il suo bellissimo e abominevole padrone– la stava baciando. Tentò di resistergli come avrebbe fatto un fiore sotto al temporale. Strinse la bocca per non lasciarlo entrare, strizzò gli occhi per non vederlo, contrasse i muscoli per evitare di toccarlo, e mentre lo rifiutava con ogni fibra del suo corpo, cielo, quelle labbra… Oh, quelle labbra si premettero sulle sue come se cercassero di espugnarle. Non fu un bacio. Fu una maledetta battaglia.”

Quindi per chi ha letto la prima edizione, non fatevi remore a leggere anche questa, la storia è la stessa con l’aggiunta di alcune scene e dei particolari esplicativi in altre. Non ne rimarrete deluse, anzi, vi sentirete ancora più orgogliose perché, fatemelo dire, avrete avuto modo di essere al suo fianco in questa crescita professionale.

«Dicevi che sono pazzo? Beh, hai ragione. Sono un pazzo così ossessionato dalla sua piccola e orgogliosa serva che non riesco a desiderare nessun’altra donna. Tu tormenti i miei sogni, affolli i miei incubi e non c’è pace per me, non c’è pace, Cristo Santo, finché non ti avrò avuta.» Poi si morse le labbra. Stava morendo asfissiato. «Ti voglio e ti avrò, Eleanor, a qualunque costo. È una promessa.»

L’unica pecca è che non sono riuscita ad odiare Russel e Charles come avrei dovuto, avendo letto i libri dedicati a loro non li ho più visti come i cattivi di turno. Sì, mi hanno fatto storcere il naso, mi hanno fatto arrabbiare ma non si sono fatti odiare.

Pianse per quelle anime condannate, pianse per quel sentimento che provava per lui, assassinato troppo presto; pianse per quell’uomo che non voleva essere salvato. Pianse e, al di là della porta, oltre la finestra, quella voce frantumò il mondo di Eleanor in tanti, piccoli pezzi. Uccise anche il suo cuore. «Accomodatevi: che i giochi abbiano inizio.»

Se nel primo libro Ash surclassava tutti i personaggi, qui ha il posto più alto del podio con la sua amata Eleanor, che in questa versione per me è ancora più forte e combattiva della precedente, mentre lui stronzo era prima e stronzo è rimasto.

L’angoscia di tenerla con sé si mischiò al bisogno di averla tra le braccia e Ashton si ritrovò a delirare il suo nome infinite volte. Fu una litania, una preghiera. Una canzone d’amore composta da una sola parola. E più la cantò, più il suo cuore divenne vivo e batté, batté, batté così tanto da fargli un male meraviglioso.

Per finire, vi posso dire di leggerlo e rileggerlo come farò io, lo so sono un po’ di parte ma i primi amori non si scordano.
I personaggi sono ben caratterizzati e, come ha voluto precisare Valentina, all’inizio del libro alcuni errori ci sono perché voluti altrimenti le vecchie lettrici si sarebbero sentite fuori luogo.
Adesso spererei con tutto il cuore di poter leggere finalmente la storia di Daniel.

voto dieci

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

3 commenti

  1. Valentina C. Brin

    Grazie di cuore, Gabriella, sono felicissima che Eleanor ti sia piaciuta e che Ashton ti abbia fatto dannare, vuol dire che sono riuscita nell’intento che mi ero prefissata! *___* Grazie di cuore per avermi dedicato il tuo tempo e per avermi dedicato questo spazio, non è assolutamente una cosa scontata e te ne sono infinitamente grata <3
    E se hai piacere, in privato puoi dirmi quali sono i due punti che non ti hanno convinta. È sempre utilissimo ascoltare le impressioni delle lettrici, perciò mi farebbe tanto piacere scoprire la tua opinione a riguardo 😉
    Un abbraccio.

    Valentina

  2. Grazie di cuore per la bellissima recensione, Giulia, non mi aspettavo davvero questa sorpresa ed è stata a dir poco meravigliosa! *____* Sono troppo felice che Obsession ti sia piaciuto e che Eleanor ti abbia conquistata, è un onore grandissimo! Per quanto riguarda il libro su Daniel, al momento non è in programma, ma se mi verrà qualche bella idea in futuro, chissà. Mai dire mai 😉
    Grazie dal profondo del cuore per avermi dedicato il tuo tempo, non ho parole per dire quanto la tua recensione mi abbia colpito! *____*
    Un abbraccio.

    Valentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.