Recensione Ho bisogno di amarti di David Mars

Oggi vi parlo della Recensione Ho bisogno di amarti di David Mars che mi ha colpita in primis per la copertina e poi perché amo i libri dove ci sono i bambini. Venite a scoprire cosa ne penso.

Recensione Ho bisogno di amarti di David Mars

Titolo: Ho bisogno di amarti Link Amazon
Autore: David Mars
Editore: Self publishing
Data Uscita: 26 maggio 2018
Pagine: 267
Narrazione: Prima persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Sinossi

Si può diventare un bravo papà dall’oggi al domani? Mark Renots è un imprenditore di successo, ma crescere un figlio, di cui non ha mai saputo nulla per nove anni, è un impegno piuttosto diverso. Mark è un po’ imbranato, un po’ troppo severo ma… fatto sta che cambia babysitter praticamente ogni settimana perché anche suo figlio non e proprio un tipetto facile. Fino al giorno in cui si presenta Liam. Giovane ragazzo sveglio e intelligente che lo spiazza con il suo piglio deciso e soprattutto con la sua sensualità e dolcezza. Il motivo delle prime scintille è…

Recensione di Ines

Con la Recensione Ho bisogno di amarti di David Mars ho ripreso a leggere un genere che è da un po’ che avevo accantonato: il male to male. Non so per quale motivo non ho più letto questo tipo di libro, sarà stato il blocco del lettore che ho avuto un paio di mesi fa oppure il fatto che ne avevo letti in abbondanza ma non mi attraevano più. Quindi complice la cover, e la trama, questo libro mi sembrava il migliore per rituffarmi sul genere. Niente di più sbagliato!

Mark diventa padre dall’oggi al domani scoprendo così che la sua serata alternativa con una ragazza avvenuta nove anni prima ha dato i suoi frutti. Da questo momento in poi dovrà prendersi cura del figlio perchè la madre purtroppo è morta. Lui non si tira indietro ma non sa proprio come allentare la presa sul lavoro e crescere un ragazzino. Diciamo, in poche parole, che per lui il lavoro è una droga infatti lo mette sempre al primo posto perché si è fatto da solo e ha creato il suo impero dal nulla. Decide quindi di assumere una tata, che altri non è che Liam.

Un alito di vento mosse i rami degli alberi e un raggio di sole si posò sui suoi capelli biondi e li fece brillare come oro. Al mio cuore mancò un battito. Triste o allegro, passionale o riservato, Liam era il più bel ragazzo del mondo.

Liam è un ragazzo gentile, dolce e appena entra nelle vite di Mark e del figlioletto capisce che ci sarà molto lavoro da fare. Vede che i due si vogliono bene, ma non sanno come prendersi anche a causa di una bugia passata. Cosa c’è di meglio che aiutare padre e figlio a ritrovarsi? Con la sua lungimiranza ma anche con il suo carattere fermo riesce a far capitolare entrambi.

” Ti voglio bene Liam, non mi lasciare.”

La storia di per sé mi è piaciuta ma, ahimè, la scrittura non mi ha trasmesso nessuna emozione. Le basi c’erano solo che ho trovato che si passasse da un punto a un altro senza spiegazioni, diciamo che avrei preferito più approfondimenti. Non mancano anche molti refusi sul testo che, complice anche il mancato trasporto, ho notato più del solito.
Mi dispiace dirlo ma non lo consiglio.

voto quattro

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.