Recensione Nel cuore di Ginger di Katy Regnery

Con la recensione di Nel cuore di Ginger di Katy Regnery, proseguiamo questa serie che è basata sulle fiabe moderne. Il terzo libro è ispirato alla storia di cappuccetto rosso… venite a scoprire la sua storia!

Recensione Nel cuore di Ginger di Katy Regnery

Titolo: Nel cuore di Ginger Link Amazon
Titolo originale: 
Ginger’s heart
Serie:
 A modern fairytale # 3 Autore: Katy Regnery Editore: Quixote Edizioni
Data Uscita: 31 maggio 2019
Pagine: 543
Narrazione: Terza persona, pov multiplo
Finale: Conclusivo  

Serie A modern fairytale:
01. Il veterano ❤Savannah & Asher❤ Recensione
02. Non lasciarmi mai andare ❤Griselda & Holden❤ Recensione
03. Nel cuore di Ginger ❤Ginger & Josiah/ Cain❤
04. Il cavaliere oscuro ❤Verity & Colt❤
05. Don’t speak ❤Laire & Erik❤
06. Shear heaven ❤Bella & Nico❤
07. Fragments of hash ❤Ellis & Gus❤
08. Swan song ❤? & ?❤  

Sinossi

In questa storia d’amore contemporanea, liberamente ispirata a “Cappuccetto Rosso”, il cacciatore e il lupo sono cugini, e Cappuccetto Rosso è la ragazza della quale entrambi si innamorano.
La bellissima Ginger McHuid, figlia del più importante allevatore di cavalli del Kentucky, cresce nel ranch di famiglia, è la migliore amica di Cain Wolfram, il figlio del responsabile degli stalloni di suo padre, e del cugino di Cain, Josiah Woodman, figlio di un banchiere locale. Nel corso della sua infanzia felice, i tre sono amici inseparabili, ma mentre crescono fino a diventare adulti, sentimenti complicati minacciano di distruggere la lunga storia della loro amicizia e del loro amore.

Recensione di Giulia

Tanto tempo fa c’erano due cugini:
uno dorato come il sole,
l’altro oscuro come la notte,
uno un protettore,
l’altro un predatore,
uno un Cacciatore
e
l’altro un Lupo…
ed entrambi possedevano in maniera equa,
anche se differente,
una porzione del cuore di una ragazzina.

Con, Nel cuore di Ginger, Katy Regnery ci porta in una piccola città di campagna dove la protagonista femminile, Ginger, vive insieme ai due cugini Josiah e Cain.
La storia inizia quando i tre sono degli adolescenti, Ginger ha dodici anni, mentre i cugini quindici, e continua con salti temporali di tre anni in tre anni fino ad arrivare all’essere adulti. In questo modo, la scrittrice ci fa conoscere il rapporto che lega i tre e di come si evolve nel corso degli anni.

“O forse era semplicemente che erano cresciuti per diventare due uomini molto diversi: Cain scopava ogni cosa in vista, amava la sua motocicletta allo stesso modo in cui Woodman amava i cavalli e si ubriacava alla distilleria ogni fine settimana, mentre Woodman passava il suo tempo studiando, lavorando dai McHuid e trascorrendo i suoi fine settimana in chiesa.
Erano differenti come il giorno e la notte, certo, ma erano comunque cugini.”

Entrambi i ragazzi sono innamorati di lei fin dalla tenera età ma uno dei due decide subito di fare un passo indietro e lasciare che sia l’altro ad averla, senza però tenere conto di ciò che Ginger vuole.
La storia viene raccontata dal punto di vista di tutti e tre i protagonisti e, spesso, una stessa scena viene raccontata dal punto di vista di almeno due dei protagonisti (alcune volte anche da tutti e tre).

“Ginger sospirò, accovacciandosi per lavarsi le mani nell’acqua limpida prima di guardare di nuovo verso di lui. -Perché lo fai?-
-Faccio cosa?-
-Lasci che Woodman si prenda il merito per le cose buone.-
Lui si strinse le spalle, distogliendo lo sguardo da lei, verso l’acqua. -Non lo faccio.-
-L’hai appena fatto. Due volte.-
Cain sospirò, spedendole un’occhiata paziente. -Se succede qualcosa di buono, è probabile che sia stato Woodman a farlo.-“

In questa rivisitazione della favola di cappuccetto rosso c’è Ginger che fa le veci della protagonista, Josiah come cacciatore, Cain come lupo e, ovviamente, non può mancare la nonna che, in questo caso, fa anche un po’ da sostegno per Ginger in questo enorme tira e molla che ha con i due cugini.
Leggendo Nel cuore di Ginger mi sono trovata da subito in lotta sul fatto se mi stesse piacendo o meno. La scrittura di Katy Regnery è sempre impeccabile e molto scorrevole ma il fatto che abbia dovuto ripetere delle scene due o tre volte ha reso la storia davvero troppo pesante.

Quando stavo per arrendermi però, a circa metà libro, le cose sono decisamente migliorate, ogni personaggio aveva solo il suo punto di vista e infatti sono poi riuscita a leggere gli ultimi capitoli in pochissimo tempo. Per la recensione devo quindi fare una media di voti tra la prima e la seconda parte.

Consiglio il libro solo a chi ha già letto i primi due perché, per me, le serie non devono essere lasciate incomplete, anche quando si tratta di storie autoconclusive.
Superato lo scoglio iniziale, devo dire che è una lettura piacevole che ti fa scendere anche qualche lacrima.

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *