Recensione Killian di Natasha Knight

Con la Recensione di Killian di Natasha Knight, si continua questa bellissima serie dark con protagonisti dei mafiosi americani. Nel quarto volume conosciamo Killian!

Recensione Killian di Natasha Knight

Titolo: Killian Link Amazon
Titolo originale: Killian
Serie: Benedetti Brothers # 4
Autore: Natasha Knight
Editore: Quixote Edizioni
Data Uscita: 27 novembre 2020
Pagine: 247
Narrazione: Prima persona, doppio pov
Finale: conclusivo  

Serie Benedetti Brothers:
01. Salvatore Recensione
02. Sergio Recensione
03. Dominic Recensione
04. Killian
05. Giovanni 

Sinossi

Cilla
La Bestia aveva Belle.
Killian Black ha me.
Non ha importanza come sono arrivata qui, anche se lui la pensa in modo diverso. Dice che è stata una mia scelta. Eppure non lo capisce. Nella mia vita non sono mai stata io a scegliere.
E lui ha deciso di cambiare le regole.
Avevamo concordato un mese. Per trenta giorni sarei stata sua, ma ormai vuole di più del mio corpo. Vuole anche la mia anima. Vuole ogni parte di me. E anche se faccio finta di sentirmi al sicuro, quando sono distesa sotto di lui, so che lui ha una sorta di potere su di me. Qualcosa di malvagio.
Qualcosa che mi spezzerà.

Killian
Cilla ha scelto. È stata lei a proporre l’accordo. Io ho semplicemente accettato. Quindi, che problema c’è se decido di cambiare le regole? Non mi scuserò per questo.
Io e Cilla siamo simili. Lei è un’anima oscura. Tanto quanto lo sono io. Le è successo qualcosa. Qualcosa di brutto. Qualcosa che l’ha distrutta.
Non è un eroe quello che cerca. Ma un angelo vendicatore. Un cavaliere oscuro. E quello posso esserlo. Ucciderò i draghi che la tormentano, ma tutto avrà un prezzo, perché in cambio, voglio tutto. E me lo prenderò.
Lei è mia.

Recensione di Giulia

Dopo aver concluso le storie sui tre fratelli Benedetti, Natasha Knight ci porta a conoscere un altro importante personaggio della “famiglia”: Killian Black. Lui è proprietario di uno strip club in città, creato grazie ai soldi della droga, ma Killian cerca di stare lontano da quel giro, sebbene sia comunque fedele a Dominic Benedetti.
Priscilla, chiamata Cilla, è una giornalista freelance con un passato torbido e un fratello (unico membro che gli è rimasto della sua famiglia) che le crea qualche problema. Ed è proprio a causa di suo fratello che lei incontra Killian.

“Quando riemerge, qualche momento dopo, indossa un paio di pantaloni della tuta, una felpa enorme e delle sneaker.
-Non approvi?- mi chiede, inclinando la testa da una parte.
-Dipende.- Le faccio cenno perché compia un giro su se stessa.
Mi mostra il dito medio e io sogghigno. -Attenzione, Cilla. I miei palmi si sentono un po’ nervosetti.-
Mi lancia uno sguardo, poi si muove verso il tavolino, mette i fogli e il computer in una borsa accanto alla sedia e mi guarda. -Okay, sono pronta.-“

Cilla dovrà rimediare agli sbagli del fratello e, per farlo, dovrà stare a disposizione di Killian per un mese intero, ma il carattere di Cilla è tutto tranne che obbediente, per questo sarà difficile per lui tenerla a bada.
La storia tra i due sarà quindi piena di battibecchi e insulti, ma l’attrazione che li lega non può essere fermata né spenta e insieme faranno davvero scintille.
Entrambi, inoltre, hanno un passato difficile per motivi diversi, che tentano di tenere nascosto all’altro. Ma che alla fine verranno fuori in modo anche disperato.

“Finalmente, posa lo sguardo su di me. Rimaniamo a guardarci attraverso la stanza ed è un cliché del cazzo, ma qualcosa cambia dentro di me ed è come se questo istinto di protezione, di guardia, di soccorso… cazzo, forse non sono il suo eroe… è come se avesse preso possesso di ogni fibra del mio essere, e lei è tutto ciò che riesco a vedere, tutto quello a cui posso pensare.”

Ho trovato questo quarto libro diverso dai primi tre, forse meno oscuro ma con altrettanta sofferenza e voglia di ricominciare a vivere.
Ho apprezzato molto il personaggio di Killian, un po’ meno invece quello di Cilla. Spesso mi sono ritrovata ad alzare gli occhi al cielo per alcuni suoi atteggiamenti.
La storia è bella e la scrittura è, come sempre, molto scorrevole, ci si mette davvero poco a leggerlo e il fatto che ci siano cose che si scoprono mano a mano aumenta questa voglia di lettura.

L’unica pecca che ho trovato, a mio parere, è il finale un po’ troppo frettoloso. In poche pagine i due si riscoprono innamorati quando fino a poco prima era tutto uno scontro, avrei preferito qualcosa di più graduale.
D’altra parte, però, mi è piaciuto il fatto che Natasha Knight abbia deciso di fare un doppio epilogo con il pov di entrambi.
Consiglio il libro agli amanti dello slow-burn, insieme a tutta la serie!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.