Recensione Desiderio selvaggio di Jennifer Ashley

Con la Recensione di Desiderio selvaggio, iniziamo a parlare della serie storica Highland pleasures di Jennifer Ashley. Iniziamo dal primo volume, con protagonista Ian.

Recensione Desiderio selvaggio di Jennifer Ashley

Titolo: Desiderio selvaggio Link Amazon
Titolo originale: The madness of Lord Ian Mackenzie
Serie: Highland pleasures # 1
Autore: Jennifer Ashley
Editore: Mondadori
Data Uscita: 30 novembre 2010
Pagine: 315
Narrazione: Terza persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Serie Highland Pleasures:
01. Desiderio selvaggio
02. Scandalosa Isabella
03. I peccati di Lord Cameron
04. Amore e perdizione
4,5 – A Mackenzie Family Christmas: The Perfect Gift
05. I piaceri segreti di Elliot McBride
06. Carezze incandescenti
07. Sedotto da una ladra
08. Una sposa per il libertino
09. La seduzione secondo Alec Mackenzie
10. Le mille vite di Will Mackenzie

Sinossi

 Inghilterra, Scozia 1881 – L’affascinante Beth Ackerley, ex dama di compagnia divenuta improvvisamente ricca, si ripropone di condurre un’esistenza assolutamente tranquilla. Ma il destino, che per lei ha in serbo ben altro, mette sulla sua strada il nobile scozzese Ian Mackenzie. A Ian basta vederla per concepire lo spasmodico, ossessivo desiderio di possederla e proteggerla come una delle antiche porcellane di cui è un avido collezionista. Beth è subito sedotta dal suo sguardo dorato e sfuggente e tra le sue braccia scopre una passione travolgente che non aveva mai immaginato di poter provare. Ma riuscirà ad amare anche i suoi lati più oscuri?

Recensione di Giulia

Desiderio selvaggio è il primo volume di questa serie che ha come protagonisti i quattro fratelli Mackenzie e la loro famiglia. Sebbene appartengano a una famiglia benestante, hanno avuto un passato non proprio da favola, soprattutto a causa del loro padre.
I protagonisti di questo libro sono Ian e Beth. Lui ha passato diversi anni in un manicomio in quanto è autistico ma, durante la lettura si scoprirà il motivo per cui il padre l’aveva rinchiuso lì. La sua passione più grande è il collezionare coppe antiche di gran valore, riuscendo sempre a sapere esattamente il valore di quell’oggetto.

Beth è una vedova di 29 anni che, dopo numerose peripezie, è finita per ereditare una casa a Londra e parecchio denaro dalla Signora per cui lavorava.
Adesso Beth è il bersaglio delle attenzioni di molti gentiluomini che mirano proprio alla sua rinnovata ricchezza. Ed è proprio per questo motivo che i due si incontreranno.

“-Potreste sempre sposare me,- dichiarò Lord ian di punto in bianco.
Beth sbatté le palpebre. -Come dite?-
-Ho detto che potreste sposare me. A me del vostro patrimonio non importa nulla.-
-E voi quale motivo al mondo potreste avere per volermi sposare?-
-Avete dei begli occhi.-“

Devo dire che l’attrazione tra i due è forza già dal loro primo sguardo e Beth si ritrova sempre più incuriosita da un uomo che non la guarda mai dritta negli occhi e dice sempre quello che pensa. Anche se va contro l’etichetta di quel periodo.
Ian è affascinato da lei come lo è dalle sue preziose coppe e sin da subito decide che diventerà sua moglie… soprattutto perché adesso dovrà proteggerla da qualcuno che ce l’ha con i Mackenzie.

“-Ian, siete davvero pericoloso, per me,- bisbigliò.
-Lo so. Sono Mackenzie il folle.-
Beth gli prese il viso dalle mani, improvvisamente infuriata. -Questo è solo il modo in cui vi definisce chi non sa comprendervi.-
Lui distolse il capo. -Siete troppo buona.-
-Non sono buon, ma sincera.-“

La scrittura è così scorrevole che mi sono ritrovata all’ultima pagina senza neanche rendermene conto. La storia non ha nemmeno un punto morto ma, anzi, succede sempre qualcosa che ti invoglia a continuare a leggere per capire come si risolverà la faccenda.
Infatti, nella seconda metà del libro, c’è un mistero che dovrà essere risolto e che coinvolgerà sia la famiglia Mackenzie che Beth.

“-Non è giusto che tu mi guardi solo quando sono gravemente malata,- gli fece notare.
-Perché se ti guardo mi dimentico di tutto il resto. Perdo il filo di ciò che sto dicendo o facendo. Vedo soltanto i tuoi occhi.- Ian posò il capo sul cuscino di Beth.
-Hai degli occhi stupendi.-
-Sei davvero il marito migliore del mondo.-“

Mi è piaciuto molto il fatto di essere riuscita a conoscere anche gli altri fratelli, che saranno protagonisti dei prossimi tre libri, e di aver già conosciuto un po’ il passato di tutti. Ma, soprattutto, ho amato follemente il personaggio di Ian, un uomo “diverso” dal canone di altri libri e porpri oper questo speciale.
Spero che anche per loro ci sia una storia interessante e originale come questa.
Lo consiglio agli amanti del genere storico.

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.