Recensione Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon

Con la Recensione di Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon, torniamo a parlare di questa bravissima autrice. Andiamo a conoscere i due protagonisti: Ambrose e Fern.

Recensione Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon

Titolo: Sei il mio sole anche di notte Link Amazon
Titolo originale: Making faces
Autore: Amy Harmon
Editore: Newton Compton
Data Uscita: 19 marzo 2015
Pagine: 348
Narrazione: Terza persona, pov multiplo
Finale: conclusivo

Sinossi

Ambrose Young è bellissimo, alto, muscoloso, con lunghi capelli che gli arrivano alle spalle e uno sguardo che brucia di desiderio. Ma è davvero troppo per una come Fern Taylor. Lui è perfetto, il classico protagonista di quei romanzi d’amore che Fern ha sempre adorato leggere. E lei sa bene di non poter essere all’altezza di un ragazzo del genere… Ma la vita a volte prende pieghe inattese. Partito per la guerra dalla piccola cittadina di provincia in cui i due giovani sono cresciuti, Ambrose tornerà trasformato dalla sua esperienza in prima linea: è sfigurato nei lineamenti e profondamente ferito nell’anima.

Fern riuscirà ad amarlo anche se non è più bello come prima? Sarà in grado di conquistarlo? Saprà curarlo e ridargli la fiducia in sé? Versione moderna de La bella e la bestia, il nuovo romanzo di Amy Harmon – dopo il grande successo di I cento colori del blu – ci dimostra che in ognuno di noi convivono una parte mostruosa e una meravigliosa creatura e che solo l’amore può essere capace di farle andare d’accordo.

Recensione di Giulia

Sei il mio sole anche di notte è il secondo libro che leggo di Amy Harmon e, dato che il primo mi era piaciuto molto, ho deciso di riprovare. E cosa dire? Questo mi è piaciuto ancora di più!
La storia è incentrata su una piccola cittadina dove gli abitanti si conoscono più o meno tutti.

Fern è una ragazzina dai capelli rossi e gli occhiali grandi, ama leggere ma ancora di più scrivere romanzi suoi. In città è conosciuta soprattutto perché è la figlia del pastore e perché va sempre in giro con suo cugino Bailey, un ragazzo con la distrofia muscolare.

Ambrose è bello, muscoloso e intelligente e ogni ragazza della scuola gli corre dietro ma lui preferisce concentrarsi sugli allenamenti e sullo sport che ama: la lotta libera. Ovviamente anche Fern stravede per lui ma lei passa sempre inosservata.

“Ancora una volta, dal pubblico si levò un ansito di sorpresa. Non perché fosse stonato, ma perché la sua voce era meravigliosa. Dolce, profonda e incredibilmente ricca, degna dell’involucro in cui era stata rinchiusa. Se il cioccolato fondente avesse potuto cantare, avrebbe avuto la voce di Ambrose Young.”

Ambrose alla fine la nota solamente quando scopre che i messaggi che si scambia con Rita (la più bella della scuola) in realtà li scriveva proprio Fern, da quel momento lui la vede con occhi diversi.

Finita la scuola, Ambrose è deciso a fare qualcosa per il suo Paese, infatti, solo pochi mesi prima c’era stato l’attacco alle Torri Gemelle e lui decide di arruolarsi, convincendo anche i suoi quattro migliori amici a seguirlo in questa avventura.
Tre anni dopo Ambrose fa ritorno a casa ma non è più come prima, il bel principe azzurro ora ha metà faccia deturpata da una bomba e un occhio fuori uso, e si porta dietro un fardello bello pesante.

“-Perché ti comporti come se fossi il vecchio Ambrose? Come se volessi che ti baciassi. Come se non fosse cambiato niente dai tempi di scuola.-
-Alcune cose non sono cambiate,- rispose lei piano.
-Notizia flash, Fern Taylor!- abbaiò lui, dando una manata contro il cruscotto e facendola sussultare. -È cambiato tutto! Tu sei bellissima, io orribile, non hai più bisogno di me, mentre io ne ho eccome!-“

I due protagonisti si rincontreranno dopo qualche mese dal ritorno di lui, dato che Ambrose cerca in tutti i modi di nascondersi dagli sguardi disgustati della gente.
Fern però, quando lo guarda, vede solamente quel bel ragazzo di cui era innamorata a diciassette anni e farà di tutto per incoraggiarlo a tornare a vivere.

“Baciò Fern come se stesse per affogare, come se lei fosse l’aria, come se fosse la terra sotto i suoi piedi, e forse era soltanto il suo modo di baciare, il modo in cui l’aveva sempre fatto ogni volta che baciava qualcuno, chiunque fosse. Magari era stato così anche con Rita. […] Sapeva solo che quando Ambrose la baciava lei si sentiva come se stesse per implodere, come avviene nelle demolizioni controllate, quando un edifico collassa su se stesso in un cumulo ordinato di macerie, senza toccare niente e nessuno intorno a sé.”

Avete presente quando leggete un libro che vi prende così tanto che continuate a leggerlo anche se aveste altre cose da fare? Beh, questo è decisamente uno di quei libri. Scrittura scorrevole, storia bellissima in un mix di gioie, dolori, rivincite e tanto amore! Ho amato i protagonisti, come si evolvono nel corso degli anni e come maturino ma il mio personaggio preferito rimane lui: Bailey. Un ragazzo che sa che la sua vita ha una breve data di scadenza ma che ci ride su ogni volta, è una di quelle persone che ti fa venire voglia di vivere!

Unica minuscola pecca che ho trovato è il fatto che il punto di vista cambia in continuazione nello stesso capitolo. All’inizio può dare un po’ fastidio perché devi pensare a chi sta pensando quella cosa, ma con il passare delle pagine non ci si fa più caso.

Questa scrittrice è entrata di diritto nella mia lista delle mie autrici preferite e questo è decisamente uno dei libri più belli che abbia mai letto e, forse, anche quello dove ho pianto di più. Consiglio a tutti!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla HomeTorna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.