Recensione Esperti esploratori di Anita Ganeri

Esperti esploratori di Anita Ganeri

Con la recensione di Esperti esploratori di Anita Ganeri della serie Brutta geografia edito dalla Salani editore, entriamo in uno dei libri di questa serie.

Esperti esploratori di Anita Ganeri

Titolo: Esperti esploratori Link Amazon
Autore: Anita Ganeri 
Editore: Salani Editore
Data Uscita: 19 settembre 2003
Pagine: 208
Finale: conclusivo

Collana Brutta geografia:
-Violenti vulcani
-Odiosi oceani
-Trucido tempo
-Fetidi fiumi
-Travolgenti terremoti
-Deprimenti deserti
-Vetuste vette
-Poderosi poli
-Esperti esploratori

Sinossi

Dopo i vulcani, gli oceani e i fiumi, i deserti e le montagne, l’autrice percorre le storie degli uomini che hanno esplorato il mondo. La geografia, spesso poco apprezzata dagli studenti, diviene così una materia divertente, lontana dalle noiose lezioni tradizionali. Età di lettura: da 11 anni.

Recensione di Gabriella

La recensione di Esperti esploratori di Anita Ganeri, nasce da un libro trovato per caso in biblioteca da parte di mio figlio. Gira che si rigira si è imbattuto in questo volume di cui abbiamo scoperto solo in seguito essere una serie di libri per ragazzi dedicati alla geografia.

“Giornale di bordo ufficiale
Data: 26 settembre 1492
Lo devono leggere tutti, assolutamente. Le cose stanno andando per il meglio. Esattamente come avevo previsto. Sono felice di dirvi che stiamo proseguendo dritti verso la meta e che non manca molto al momento in cui toccheremo terra. Abbiamo già visto migliaia di uccelli marini, e si sa che questi uccelli non si allontanano mai tropo da terra. E poi conoscete il mio detto: ‘chi va per mare, prima o poi troverà terra’. Mi spiego meglio: secondo voi, vi porterei mai a caccia di sirene? Suvvia, siate onesti: lo farei mai?”

Il volume di cui vi parlerò oggi analizza, nell’arco della storia, come sono evolute le spedizioni per esplorare quella parte di terra ancora ignota e in cosa si sono imbattuti i diversi esploratori per arrivarci. Chi sono stati gli esploratori e cosa hanno scoperto, ma allo stesso tempo cosa hanno dovuto passare per arrivarci.

“Il mio diario top-secret (ma vero).
Data: 26 settembre 1492
Nessuno dovrà leggerlo. Altrimenti… guai!
Aiuto! Tutto sta andando per il peggio! Non ho la più pallida idea -nè oscura – idea di dove stiamo andando. Tutto quello che ho detto sugli uccelli marina era una gran panzana, un diversivo… Ma capperi, dove pifferi sono finite le fiorenti Indie? Secondo i miei calcoli, avremmo dovuto raggiungerle già parecchi giorni fa!
Naturalmente non dovrò mai confessare la verità ai miei uomini. Andrebbero fuori di testa, e probabilmente mi passerebbero pure a fil di lama. E allora sì che non tornerei mai più a casa.”

Il libro direi che non è stato mai banale, anzi, è scritto in maniera molto adeguata per il pubblico a cui era destinato.
Il volume è suddiviso in parti in base alle zone: esploratori antichi, marinai, deserto, scalatori, pionieri polari, fiumi e tempi moderni.

Ogni tanto viene proposto qualche quesito, probabilmente per catturare ancora di più l’attenzione su cosa si sarebbe fatto se ci si ritrovava in qualche situazione particolare, per non parlare delle ipotetiche pagine di libri o cartoline inviate dagli esploratori: stupende!

“Fatto sconvolgente
Prima di invischiarci in questa storia, facciamo due chiacchiere sui cani. Sì, i cani. Ma non i classici cagnolini che si divertono a masticare le pantofole di vostro padre o si danno da fare con le piante di vostra mamma. No, questi erano grossi, e tenaci, husky della Groenlandia. L’accorto Amundsen sapeva che il metodo più rapido per attraversare il ghiaccio era utilizzare una slitta trainata da cani, cui fece fare tutto il lavoro sporco. Una muta di dieci cani poteva trainare una slitta per cinquanta chilometri al giorno, trascinando gli uomini sugli sci. Per i nostri Husky si preparavano delle vere giornate da cani!”

Consiglio questo libro a tutti coloro che amano le avventure e anche a quei genitori che cercano una lettura divertente ma allo stesso tempo che possa stimolare i propri figli.

otto

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *