Recensione La signora dei clan di Julie Garwood

Con la recensione de La signora dei clan di Julie Garwood, vi parlo di una storia d’amore emozionante e unica nel suo genere… Andiamo a conoscere Gabriel e Johanna.

Titolo: La signora dei clan Link Amazon
Titolo originale: Saving Grace
Autore:
Julie Garwood 
Editore: Mondadori
Data Uscita: 2 dicembre 2017
Pagine: 457
Narrazione: Prima persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Sinossi

Inghilterra, 1200. Alla notizia della morte improvvisa del marito, il crudele e violento barone Raulf, lady Johanna non può che tirare un respiro di sollievo. Ma per toglierle la libertà appena riconquistata interviene nientemeno che re Giovanni, che vorrebbe maritarla con un uomo molto più anziano di lei. Con l’aiuto del fratello, tuttavia, Johanna riesce a sfuggire a questa nuova insidia e parte per la Scozia dove ad attenderla c’è il coraggioso e avvenente Gabriel MacBain, supervisore in loco dei possedimenti della famiglia. Gabriel, già padre di un bambino di nome Alex, ha deciso di sposare la giovane nonostante le dicerie sul suo conto e la convivenza iniziale non è certo semplice, ma il destino e l’amore…

Recensione di Anna

Eccomi qui a parlarvi del mio amore per questo genere letterario, ovvero per i romanzi storici medievali. Non so quanti ne ho letti, me ne sono piaciuti davvero tanti e spero di potervi raccontare tutti quelli che mi hanno rubato il cuore.

Un autrice davvero brava è Julie Garwood! Per me lei ha quella pozione magica che unisce l’amore, l’amicizia, il coraggio, la lealtà e tutti quei valori che un romanzo può racchiudere in se stesso e trasmetterlo al lettore arricchendo la sua anima di valori che fanno bene alla vita. Ecco, questo libro è strapieno di emozioni.

La storia inizia con Johanna che apprende la morte di suo marito, ma la sua reazione non è quella che ci si aspetta, infatti per lei è un grandissimo sollievo, perché il marito altro non è che un grandissimo stronzo che umilia e picchia la moglie.
Ci troviamo in un periodo storico davvero particolare, dove la guerra per il trono d’Inghilterra mette tutti contro tutti e il Re Giovanni è mal visto dai suoi vassalli. Di fatti dopo la morte del marito, il fratello di Johanna, per proteggere la sorella dai sotterfugi di corte, decide di darla in sposa a un guerriero delle Highlands.

” Un consiglio McBain. Nascondi quel tuo orribile mostro quando arriverò con Johanna. Le basterebbe un’occhiata a voi due per girarsi e tornare subito in Inghilterra.” McBain rise. ” Tieni a mente le mie parole, Nicholas: non sarò respinto. Mi vorrà.”

Qui facciamo la conoscenza di Gabriel un uomo coraggioso, buono, un protettore delle anime più bisognose. Devo dire che per quanto ho amato Gabriel, e l’ho amato davvero tanto, Johanna è la vera magia di questa libro.
Lei è rinata accanto a Gabriel, nonostante le sue paure ha avuto il coraggio di affrontare un nuovo matrimonio, ha avuto la pazienza e l’intelligenza di unire due clan molto diversi tra loro, è stata una vera e propria forza della natura!

«Per favore, cercate di capirmi, signore. Se mi mordesse un cucciolo, avrei molte possibilità di sopravvivere, ma se fosse un lupo a mordermi, credo non ne avrei affatto.» Aveva tanto cercato di essere coraggiosa, ma falliva miseramente. Il suo terrore era concreto e, indovinò MacBain, frutto di passate esperienze. Trascorsero lunghi minuti in silenzio. MacBain la fissava. Lei guardava il pavimento. «Vostro marito…» «Non parlerò di lui.» Aveva avuto la sua risposta. Avanzò verso di lei. Johanna non arretrò. Le pose le mani sulle spalle e le ordinò di guardarlo. Lei obbedì lentamente. La voce di lui era un rauco sussurro quando le disse: «Johanna?» «Sì, mio signore?» «Io non mordo.»

Non sto qui a raccontarvi tutto quello che succede in La signora dei clan, ma vi assicuro che i colpi di scena non mancano!
La penna di Julie Garwood è davvero sublime, l’ironia che troviamo nei suoi libri diverte e appassiona il lettore, diciamoci la verità con i suoi libri difficilmente si ci annoia!
Stra-consiglio questo libro? Assolutamente si!

Quella che lei raccontava ad Alex era la verità. Davvero le fanciulle sapevano liberare i possenti e arroganti guerrieri. Johanna di certo l’aveva liberato da una vita grigia e fredda. Gli aveva dato il calore di una famiglia. Era il suo amore, la sua gioia, la sua compagnia. Era la sua salvezza.

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.