Recensione Uno strano colpo di fulmine di Tamara Balliana

Con la Recensione di oggi, vi parleremo di una nuova scrittrice francese approdata in Italia l’anno scorso con una serie davvero divertente. Stiamo parlando di Tamara Balliana e della sua trilogia Bay village. Andiamo a vedere di cosa parla questo primo volume: Uno strano colpo di fulmine.

Recensione Uno strano colpo di fulmine di Tamara Balliana

Titolo: Uno strano colpo di fulmine Link Amazon
Titolo originale: Coup de foudre & Quiproquos
Serie: Bay village # 1
Autore: Tamara Balliana
Editore: Amazon crossing
Data Uscita: 4 agosto 2020
Pagine: 253
Narrazione: Prima persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Serie Bay village:
01. Uno strano colpo di fulmine
02. Il peggior amico di una ragazza Recensione
03. Molto più che una fashion victim

Sinossi

Amy è la proprietaria dello Chez Josie, un piccolo caffè di Boston che le dà tante soddisfazioni, ma che non le lascia tempo per molto altro: giunta ormai sulla soglia dei trent’anni, non è infatti ancora riuscita a trovare l’amore. Sua madre tuttavia è decisa a scongiurare questo dramma, ed ecco che una sera a cena dai genitori Amy trova un ospite a sorpresa: l’affascinante tenente Tom McGarrett, collega di suo padre alla polizia di Boston. Quando poi Amy è vittima di una rapina allo Chez Josie e il premuroso McGarrett viene incaricato delle indagini, il finale pare quasi già scritto.

Amy capisce però che la rapina potrebbe avere a che fare con le cattive frequentazioni di Amber, la giovane collega che da quel giorno non si è più presentata al lavoro. Decisa a ritrovarla, inizia una propria ricerca nei bassifondi di Boston, fino a imbattersi nel famigerato Cole, il boss di una gang locale che sembra volerla aiutare. Sguardo di ghiaccio, fisico mozzafiato, aria da cattivo ragazzo: Cole ha un fascino irresistibile. E Amy potrebbe presto dimenticare le lusinghe del bel poliziotto, per abbandonarsi all’attrazione magnetica del bad boy.

Recensione di Giulia
Recensione di Ines

Recensione di Giulia

Il fatto di partecipare a delle Challenge mi sta facendo avere modo di conoscere autrici che prima non conoscevo e che per questo motivo, probabilmente, non mi sarei azzardata nemmeno a leggere.
La protagonista assoluta di questa storia è Amy Kennedy, una ventinovenne bassina dai capelli corti e rossi che lavoro nella caffetteria lasciatale in eredità da sua zia. Amy è una ragazza amata da tutti e ha un folto gruppo di amiche, oltre ad essere la figlia del capo della polizia di Boston.

Una sera, però, viene rapinata proprio nella sua caffetteria e da lì per lei inizierà una nuova vita. Farà cose che non aveva mai sognato di fare e incontrerà persona davvero poco raccomandabile.
Ad aiutarla, però, ci sarà il poliziotto Tom McGarrett che, affascinato da Amy, l’aiuterà a cercare di trovare il colpevole e anche la sua dipendente che è scomparsa quello stesso giorno.

“Sì, mi ci sono voluti ventinove anni, quattro mesi e pochi giorni – Maddie saprà senz’altro quanti – per essere baciata in un modo che credevo esistesse soltanto nei libri.”

La sua vita ha un ulteriore svolta quando incontra un’altra persona che le farà rivedere del tutto il senso di buono e cattivo, e che è stata davvero una sorpresa per me.
Riuscirà la nostra Amy a decidere cosa vuole nella vita? Sicurezza o eccitazione?

“Mi sento tra due fuochi. Nella mia testa è una guerra fra l’angelo e il diavolo. Da un lato la parte di me che credevo sopita e che è appena tornata in vita. Dall’altro la parte razionale mi grida che questa è la peggiore idea che abbia mai avuto!”

Ho trovato un libro a tratti divertente, con una parte di mistero che mi ha molto soddisfatta dato che non avevo per nulla capito come le cose potessero essere andate.
Più di una volta mi sono ritrovata sorpresa per determinate situazioni, cosa che mi accade (purtroppo) molto raramente quindi questa cosa mi è piaciuta particolarmente e mi ha fatto rimanere incollata alle pagine.

Ho amato particolarmente i personaggi maschili di questa storia e anche alcune delle amiche di Amy, soprattutto le due protagoniste dei due prossimi libri.
Amy, invece, l’ho trovata un pochino immatura per la sua età. Alcuni suoi comportamenti mi hanno fatto storcere il naso e anche per questo non gli do un voto altissimo.
La scrittura di Tamara Balliana è davvero scorrevole, mai noiosa e i dialoghi spesso sono accattivanti.
Consiglio davvero la lettura di Uno strano colpo di fulmine a chi vuole passare qualche pomeriggio piacevole!

8

Recensione di Ines

Salve readers, eccomi con la Recensione di Uno strano colpo di fulmine di Tamara Balliana. Come detto sopra dalla mia amica Giulia, ho scoperto questa scrittrice grazie ad una Challenge, più precisamente devo ringraziare un’amica che mi ha suggerito proprio questa scrittrice.
Di solito non leggo mai le trame, vado a scatola chiusa, ma in questo caso dopo averla letta ho capito che era il libro per me e la cover mi ha stuzzicata.

La protagonista del libro è Amy, figlia del capo della polizia di Boston, single di bell’aspetto, che lavora nella caffetteria che la zia le lascia in eredità. Con la sua famiglia ha un rapporto di amore e odio, soprattutto con la nonna che mi ha fatto sempre piegare dal ridere quando viene nominata oppure appare. Amy ha un gruppo di amiche davvero affiatate ed è amata da tutti, ha il cuore tenero ed è molto ingenua su tante cose.

Mi avvicino alla ragazza fino ad arrivare a pochi centimetri dal suo naso. Questa è completamente pazza. Nessuno dei miei uomini si azzarderebbe a sfidarmi così. E nessuno mi parla in questo modo. Nemmeno gli sconosciuti, o peggio, i nemici. «Principessa, la mia pazienza ha un limite. E adesso credo che sia esaurita. Quindi o mi segui di corsa, o finirà molto male.»

La storia praticamente inizia, quando una sera prima della chiusura, viene rapinata nella sua caffetteria; da qui Amy si ritroverà in un triangolo tra l’affascinante detective e il malavitoso. A chi dei due donerà la sua fiducia e di conseguenza il suo cuore? Non vi resta che leggerlo per scoprirlo.

Ho iniziato il libro con tutti i punti giusti che mi attraggono, trama, cover e il mio genere preferito. La partenza è stata molto incoraggiante, mi sono fatta subito trasportare nella storia, grazie alla scrittura della Balliana che ho trovato molto accattivante e lineare.
La scrittura è semplice, i personaggi sono ben descritti ed è stata brava nel non dire troppo subito lasciandoci alcuni colpi di scena.

Il marcantonio mi blocca e si avvicina a Zoey per strapparle di mano il telefonino. Lei lo tiene con tutte le sue forze, ma alla fine lo lascia. Il dito del colosso scivola sullo schermo del cellulare e si accende una luce blu. Risuona un rumore simile a una raffica di mitra e il nero lancia un grido di disperazione. Vacilla per un secondo e cade a terra a faccia in giù con un gran tonfo. Nell’aria si sente un odore simile a quello del maiale alla griglia.

Allora direte: come mai un voto così basso? Ve lo spiego subito. In primis la protagonista femminile mi ha urtato i nervi dall’inizio alla fine e quindi capitemi bene non sono riuscita a empatizzare con lei e, ahimè, questo quando leggo influenza parecchio il mio voto finale. Poi, in alcuni punti ho trovato delle ripetizioni che, dal mio punto di vista, potevano non esserci, mentre quando si scopre una determinata cosa che non posso spoilerare altrimenti vi toglierei il gusto nel leggerlo, l’ho trovato troppo frettoloso. Avrei preferito che si soffermasse di più nello spiegare il tutto.

La storia mi è piaciuta, come la scrittura, ho apprezzato tutti i personaggi tranne Amy e infatti non vedo l’ora di leggere il secondo libro che parla dell’amica. Quindi ve lo consiglio, come inizio serie niente male, vediamo se con il prossimo sarà ancora meglio.

Sette

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *