Recensione Peccati d’inverno di Lisa Kleypas

Peccati d'inverno

Con la Recensione di Peccati d’inverno di Lisa Kleypas, vi parlo di uno degli indimenticabili libri, a mio parere, di questa straordinaria scrittrice. Per me è una rilettura, ma nonostante questo, scopro sempre cose nuove.

Recensione Peccati d'inverno di Lisa Kleypas

Titolo: Peccati d’inverno Link Amazon
Titolo originale: The Devil in winter
Serie: Audaci zitelle # 3
Autore: Lisa Kleypas
Editore: Leggereeditore
Data Uscita: 19 novembre 2015
Pagine: 330
Narrazione: Terza persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Serie Audaci zitelle:
0.5 Magia di un amore
01. Segreti di una notte d’estate
02. Accadde in autunno
03. Peccati d’inverno
04. Scandalo in primavera

Sinossi

Evangeline Jenner è molto timida, e sarebbe anche molto ricca, se solo potesse entrare in possesso dell’eredità che le spetta. Pur di strapparla alle grinfie dei suoi disonesti parenti, è determinata a sfidare le convenzioni e a rivolgere allo scapolo impenitente Sebastian St Vincent la proposta più oltraggiosa di tutte: quella di matrimonio!Trascorrere più di un minuto in compagnia del visconte rovinerebbe la reputazione di qualsiasi fanciulla, ma non quella di Evie, certa di non voler entrare nella sua collezione di cuori spezzati. Tanto riservata quanto testarda, Evangeline è pronta a sfidarlo: si concederà a lui solo quando saprà dimostrarle di essere fedele. Un patto col diavolo o una scommessa d’amore?Dopo Segreti di una notte d’estate e Accadde in autunno, Annabelle, Lillian, Evie e Daisy tornano a scaldare la più fredda della stagioni con l’audacia dei loro sentimenti.

Recensione di Ines

Con la Recensione di Peccati d’inverno di Lisa Kleypas, siamo giunti al terzo libro della serie Audaci Zitelle dove i protagonisti sono Sebastian St. Vincent ed Evie la più timida del gruppo.
Partiamo con il dire che per me è una rilettura, infatti quando non so cosa leggere perché niente mi ispira, oppure quando mi viene il blocco del lettore, mi butto su libri da me amati tantissimo. Questo, in assoluto è per me come la copertina di Linus.
Ogni volta che lo rileggo, è come se fosse la prima, scopro e vivo nuove sensazioni e questo è tutto merito della magistrale bravura della Kleypas.

Evie è sempre passata in secondo piano nel gruppo delle zitelle (infatti è la più timida e introversa), a volte apparendo anche sciocca ma conoscendo la Kleypas, sappiamo che non ci propone mai donne poco combattive e con poco carattere. Evie infatti è una combattente, è altruista, buona e con un cuore grande. Non si lascia abbattere da niente anzi, come scopriamo leggendo, cerca di trovare sempre la soluzione ai problemi che l’affliggono.

Mentre sonnecchiava tra le sue braccia, si rese conto che lui le stava offrendo l’illusione di qualcosa che non aveva mai sperimentato prima. Sicurezza.
La sua mano le accarezza ripetutamente e con dolcezza i capelli, e Evie lo sentì mormorare, con la sua voce da angelo caduto, una frase che le scaldò il cuore.
“Riposa, amore mio. Ci sono io a proteggerti.”

Ed eccomi al protagonista: Sebstian St. Vincent. Nel secondo libro già mi aveva incuriosito molto rendendosi forse anche un po’ antipatico commettendo il fattaccio ai danni di Lillian.
Diciamocelo, è stato dipinto come l’antieroe ed è forse per questo che ai miei occhi ha quel qualcosa in più degli altri. Chi, se non Evie che con la sua dolcezza, riesce a far capitolare questo diavolo di un libertino?

In un momento di grande difficoltà si sono avvicinati e lui è rimasto folgorato da questa donna solo all’apparenza stupida.
Fare l’amore con lei gli ha sconvolto l’esistenza perché, dopo tante esperienze, è riuscito a provare un piacere maggiore, direi inebriante. Le dedica gesti premurosi che dedicherebbe a ogni amante solo per appagare successivamente un piacere fisico, ma per Evie quei gesti si ricolmano di sentimenti inaspettati che lui inizialmente non riesce a riconosce e ad accettare.

“Amore mio, non avrai presunto che i prossimi tre mesi di sofferenza sarebbero stati unilaterali, spero… Posa le mani su di me.”
“D-d-dove?”
“Dovunque”. Sebastian aspettò fino a che Evie non gli ebbe posato le mani sulle spalle. “Tanto quanto arderà il fuoco dentro di me, altrettanto lo farò bruciare in te.”
“Sebastian…” Evie cercò di tirarsi indietro, ma lui la bloccò con fermezza contro il tavolo.
“E’ mio diritto baciarti” le ricordò. “Quanto voglio e per tutto il tempo che voglio. Questo è il nostro accordo.”
Evie lanciò un’occhiata agitata in giro per la sala e Sebastian le lesse facilmente nel pensiero.
“Mon me ne importa un accidenti se qualcuno ci vede. Tu sei mia moglie.” Un sorriso gli incurvò le labbra. “La mia metà migliore, di sicuro”. chinandosi versò di lei, sfiorò con le labbra i piccoli ciuffi di capelli che le erano scivolati sulla fronte. Il suo alito era caldo e soffice sulla pelle di Evie. “Il mio premio… il mio piacere e il mio tormento… il mio desiderio infinito. Non ho mai conosciuto una donna come te”. Le sue labbra si posarono con dolcezza sulla base del naso, scivolando poi fino alla punta. “Tu osi pretendere da me cose che a nessun’altra donna verrebbe mai in mente di chiedermi. E per adesso pagherò il tuo prezzo. Ma dopo tu pagherai il mio… ancora e ancora…”

Ha una paura del diavolo perché ha perso tutte le donne della sua vita, il destino gliele ha portate via e non vuole rischiare. Cerca in tutti i modi di mostrarsi come suo solito senza una morale, malvagio, freddo… ma quando si tratta di Evie non ci riesce.
Non ha mai ricevuto amore (anzi ha ricevuto solo disprezzo e sdegno) e per questo non sa donarlo, fino a quando due occhi celesti e dei capelli color del fuoco non si mettono sul suo cammino e gli dimostrano che può essere apprezzato per molto altro, invece che solo come seduttore.

Ed ecco la capitolazione, quando Sebastian ama, lo fa follemente. Si nutre delle attenzioni di Evie e del suo amore, che finalmente lo completano e lo cambiano. Dimostra il suo vero essere. Si salvano entrambi, donandosi l’amore e la protezione che non hanno mai ricevuto.

“Non potrò mai rimediare alle cose che ho fatto. Cristo, vorrei poter ricominciare tutto daccapo. Cercherei di essere un uomo migliore. Cercherei…”
“Non devi essere altro che quello che sei”. Sollevando la testa Evie lo fissò attraverso un velo lucente di lacrime. “Non è quello che mi hai detto prima? Se puoi amarmi senza condizioni, non posso amarti anch’io nello stesso modo? So chi sei. Penso che ognuno di noi conosca l’altro meglio di quanto conosca se stesso. Non osare mandarmi via, brutto v-v-vigliacco. Chi altri potrebbe amare le mie lentiggini? Chi altri si preoccuperebbe che i miei iedi non siano gelati? Chi altri si appofitterebbe di me nella sala da biliardo?”
Pian piano le resistenze di Sebastian cedettero. Evie avvertì il cambiamento del suo corpo, la tensione che si scioglieva, le spalle che si curvavano su di lei come per assorbirla. Mormorando il suo nome, Sebastian si portò le sue mani al viso, baciandone i palmi, sfiorando con le labbra il cerchietto d’oro dell’anello nuziale.
“Il mio amore è su di te” sussurrò, ed Evie seppe che aveva vinto. Quell’uomo imperfetto, straordinario e appassionato le apparteneva, il suo cuore le era stato affidato senza riserve. Era una fiducia che Evie non avrebbe mai tradito.

La scrittura di Lisa Kleypas mi incanta sempre, mi tiene incollata alle pagine, mi fa vivere e provare i sentimenti che provano i protagonisti, mi fa percepire gli odori e mi catapulta nei luoghi descritti. La sua penna è sopraffina e nel suo genere per me non ha eguali. Questo libro è uno dei suoi indimenticabili, lo straconsiglio!

10

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.