Recensione Ti amerò per sempre di Lisa Kleypas

Con la Recensione di oggi, vi parliamo di Ti amerò per sempre di Lisa Kleypas, primo volume della trilogia Bow street runners. Andiamo a vedere di cosa parla!

Titolo: Ti amerò per sempre Link Amazon
Titolo originale: Someone to Watch Over Me
Serie: Bow street runners # 1
Autore: Lisa Kleypas
Editore: Mondadori
Data Uscita: 7 ottobre 2014
Pagine: 346
Narrazione: Prima persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Serie Bow street runners:
01. Ti amerò per sempre
02. L’amante di Lady Sophia
03. Amore a ogni costo

Sinossi

Grant Morgan, celebre investigatore di polizia, quasi una star nella Londra dell’Ottocento, riconosce immediatamente la donna che, in una fredda notte, viene ripescata dal Tamigi priva di sensi. È Vivien Rose Duvall, la più nota cortigiana di Londra: la donna che poco tempo prima lo ha rifiutato, ridicolizzandolo davanti alla buona società londinese.

Un po’ per vendetta e un po’ per scoprire chi voleva ucciderla, Grant decide di portarla a casa sua. Ma, al risveglio, Vivien non ricorda nulla del proprio passato: delicata e vulnerabile, si rivela ben diversa da come Grant la ricordava. Ed è convinta che lui l’abbia scambiata per un’altra persona.

Forse, ora Vivien è davvero un’altra persona; o è la “vera” Vivien quell’essere dolce che il poliziotto si ritrova nel letto? Una cosa è certa: Vivien ha solo l’enigmatico, affascinante Grant che possa aiutarla, proteggerla, amarla.

Recensione di Giulia

Grant Morgan lavora come poliziotto a Londra, è diventato orfano quando aveva sì e no dieci anni ed è cresciuto in un orfanotrofio ma, grazie alla sua perseveranza e a un fisico imponente, si è fatto strada nella vita e ora non sembra mancargli nulla.

Quando una notte, lo chiamano per un cadavere ritrovato lungo una riva del Tamigi, tutto immagina fuorché che quella persona sia Vivien Duvall, la cortigiana più famosa e più bella di Londra, e che in realtà è ancora viva.

È evidente che qualcuno abbia cercato di ucciderla e Grant decide quindi di portarla a casa sua e di iniziare le indagini per scoprire chi abbia cercato di toglierla di mezzo. La cosa però diventa difficile quando Vivien si riprende e scopre che ha perso del tutto la memoria e, insieme ad essa, anche il suo carattere freddo.

“-È piuttosto facile infrangere cuori, signorina Duvall. La sfida più interessante è conservare l’amore di qualcuno, non perderlo.-“

Vivien deve cercare di rimettere insieme i pezzi della sua vita e di capire chi la volesse morta e cosa nasconde il suo passato. Nel frattempo si ritrova a invaghirsi sempre di più di quel poliziotto che alcune volte la tratta come se fosse la persona più desiderabile del mondo, mentre altre volte sembra non riuscire neanche a sopportare di vederla.

Era davvero tantissimo tempo che non leggevo un libro di Lisa Kleypas e ogni volta mi innamoro di nuovo della sua scrittura e dei suoi personaggi.
Questa però è la prima volta che leggo di un protagonista non nobile, cosa che mi ha appassionata ancora di più.

“Grant le depose un bacio sulla fronte e Vivien lo sentì sorridere contro la sua pelle. -Credimi… l’unico posto al mondo dove desidero essere è dove sei tu.”

La storia si basa sul dover scoprire sia cos’è successo a Vivien ma anche sul passato di questa donna che, a un certo punto, avrà anche delle sorprese per nulla scontante, cosa che mi ha fatto tenere incollata alle pagine fino alla fine!

Come primo volume direi che è partito alla grande, personaggi ben caratterizzati e come sempre una penna impeccabili, con un’aggiunta di un mistero da scoprire che lo rende ancora più interessante.
Sicuramente continuerò a leggere questa serie e non posso non consigliare il libro!

nove

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla HomeTorna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.