Recensione Dimmi che sarai mio di Kristen Ashley

Con la Recensione di Dimmi che sarai mio di Kristen Ashley, siamo giunti al penultimo volume di questa serie dove i protagonisti sono degli uomini Alfa ma dove anche le donne si fanno valere. Andiamo a vedere di chi parla!

Recensione Dimmi che sarai mio di Kristen Ashley

Titolo: Dimmi che sarai mio Link Amazon
Titolo originale: Rock chick: Revolution
Autore: Kristen Ashley
Serie:
Rock chick series # 8
Editore: Newton Compton
Data Uscita: 22 marzo 2021
Pagine: 603
Narrazione: Prima persona, pov prevalentemente femminile
Finale: Conclusivo

Serie Rock chick:
01. Dimmi che sarà per sempre ❤India & Lee❤ Recensione
02. Dimmi che ci sei ❤Jet & Eddie❤ Recensione
03. Dimmi che cambierai ❤Roxanne & Hank❤ Recensione
04. Dimmi che lo vuoi ❤Jules & Vance❤ Recensione
05. Dimmi per sempre di sì ❤Ava & Luke❤ Recensione
06. Dimmi che non finirà ❤Stella & Mace❤ Recensione
07. Dimmi che non hai rimpianti ❤Sadie & Hector❤ Recensione
08. Dimmi che sarai mio ❤Ally & Ren❤
09. Dimmi che mi amerai ❤Shirleen & Moses❤ Recensione

Sinossi

Ally Nightingale ha dei segreti. Segreti che non rivela neanche alle sue più care amiche. Ma ci sono due uomini che sanno cosa sta combinando. Darius, l’amico di una vita, e Ren, l’uomo che ama. Uno le guarda le spalle, l’altro possiede il suo cuore, ma ancora non lo sa.

Passando in rassegna l’ultimo anno della sua vita, Ally ha capito due cose: che non è destinata ad avere un lieto fine e che è una Nightingale dalla testa ai piedi, in ogni fibra del suo essere. Nessuna delle due cose è particolarmente rassicurante.
Quando i suoi segreti cominceranno a sgretolarsi, facendole mancare la terra sotto i piedi, come reagiranno i due uomini della sua vita?

Per le Rock Chicks, gli Hot Bunch e tutta la gang di Fortnum le cose stanno per farsi molto movimentate.
E Ally si troverà a dover controllare la rivoluzione in vista, per dimostrare a tutti che è disposta a lottare per ottenere ciò che vuole.
Perché è una Nightingale. E non si tirerà indietro.

Recensione di Giulia

Con Ally siamo giusti all’ottavo volume della serie. Ally è una dei personaggi che conosciamo fin dal primo libro dato che è la sorella di ben due del Gruppetto Sexy: Hank e Lee. Durante tutti questi libri l’abbiamo vista sempre da sola, fino a quando non ha messo gli occhi su Ren Zano, ma sembrava che lui non la guardasse per nulla.

Avevamo lasciato quei due a litigare durante il matrimonio di suo fratello Hank e, proprio per questo, in Dimmi che sarai mio, Kristen Ashley ha dovuto fare un salto indietro nel tempo per farci capire le dinamiche precedenti tra Ally e Ren.

“La sua bocca prendeva, la mia dava. Tra noi era così. Il letto era un luogo in cui non m’importava che Ren fosse prepotente e dominante. E lo era eccome, non era mai stato diverso, e mi faceva impazzire.”

Durante una serata, i nostri protagonisti sono finiti a letto insieme e, da quel momento, decidono di diventare friends with benefits. Dopo qualche mese, però, a Ren non sta più bene, vuole una relazione serie ma Ally non è pronta e passeranno così un anno a stare insieme ma tenendolo segreto al resto del gruppo.

Anche in questo volume il tira e molla la fa da padrona, con un Ally indecisa su ciò che vuole e ciò che crede sia meglio per lei ma, ovviamente, Ren non ci sta e la convincerà a stare davvero insieme, anche se la famiglia di lei non ne è molto contenta.

“-Fai le cose a modo tuo, in quello che sei e come ti comporti con le persone a cui tieni. E questo mi dice che se un uomo riesce a capirlo, sarai così anche con lui e con i figli che gli darai, e quell’uomo sarà il più fortunato di tutto. E ho deciso che capiremo se quell’uomo sono io-“

Con la storia di Ally e Ren ero partita con delle aspettative molto alte che poi si sono infrante miseramente. Sebbene siano entrambi dei bei personaggi e Ally sia alquanto cazzuta, non sono proprio riuscita a entrare in sintonia con la loro storia.

La cosa che non ha aiutato è stata la traduzione fatta dalla Newton compton. Anche se mi sono lamentata spesso sulla poca cura che la casa editrice mette sull’editing dei suoi libri, qui l’ha proprio rivoluzionato. Se per sette libri i ragazzi vengono chiamati il “Gruppetto Sexy”, qui all’improvviso si è deciso di optare per l'”Hot Bunch”, lasciandolo in lingua. Per non parlare del fatto che Ally dice costantemente la parola “eccellente”, stile Montgomery Burns (ne ho contati 40), quando in realtà in inglese l’espressione è stata scritta solo una manciata di volte.

“Perché, non importa quanti anni abbiamo, dobbiamo sempre credere nelle favole.”

Continuo inoltre a dire che i romance non dovrebbero avere questo ammontare di pagine in quanto dopo un po’ la storia comunque diventa ripetitiva, si salva solamente per il fatto che la scrittura di Kristen Ashley è buona e ogni tanto ti strappa un sorriso.

Lo consiglio? Essendo l’ottavo libro di una serie, se siete arrivati fino a qua non potete non continuare!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla HomeTorna a Recensioni 

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.