Recensione Il dito magico di Roald Dahl

Il dito magico di Roald Dahl

La recensione che vi proponiamo oggi riguarda il libro Il dito magico di Roald Dahl, edito da Salani Editore.
Roald Dahl nasce nel 1916 nel Galles, da genitori norvegesi. Trascorre l’infanzia e l’adolescenza in Inghilterra e a diciotto anni va in Africa a lavorare per una compagnia petrolifera. Allo scoppio della Seconda guerra mondiale si arruola come pilota nella RAF, ma la sua prima missione si conclude con uno schianto al suolo, dal quale esce vivo per miracolo. Dopo il congedo raggiunge gli Stati Uniti per conto del controspionaggio alleato ed è lì che scopre la sua vocazione di scrittore. Tornato in Inghilterra, scrive la sceneggiatura di uno dei film di James Bond, Si vive solo due volte, e di Chitty Chitty Bang Bang. Negli anni Ottanta scrive quelli che possono essere considerati i suoi capolavori: Il GGG (1982), Le streghe (1983) e Matilde (1988). Muore nel 1990, la salute minata dalle conseguenze del terribile incidente di volo avvenuto durante la guerra.

Dello stesso autore abbiamo recensito:

Questo articolo è acquistabile con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente quando venduto e spedito direttamente da Amazon. Sono esclusi prodotti di Venditori terzi sul Marketplace di Amazon. Verifica i termini e condizioni dell’ iniziativa Bonus Cultura 18app e di Carta del Docente.

Il dito magico di Roald Dahl

Titolo: Il dito magico Link Amazon
Titolo originale: The magic Finger
Autore: Roald Dahl
Editore: Salani Editore
Data di Uscita: Marzo 2007
Pagine: 64
Narrazione: Prima persona
Finale: Conclusivo
Età di lettura: dai 7 anni in su

Sinossi

La piccola protagonista di questa storia ha otto anni e qualcosa di veramente speciale: quando si arrabbia (e ha un bel caratterino) tira fuori il suo dito magico e Zap!… lo punta sul nemico. Se, per esempio, la maestra la fa un po’ innervosire, lei tira fuori il suo dito magico e le fa spuntare i baffi e la coda. E se incontra una famiglia di cacciatori li trasforma in anatre…

Recensione di Gabriella

La protagonista di questa storia ha un dono particolare: se la si fa arrabbiare e inizia a vedere tutto rosso, il suo dito ha un potere particolare, ma nemmeno lei sa come fa e come fermarlo. Sa solo che qualcosa accade, così come è successo alla maestra e ai suoi amici.

“Il Dito Magico è una cosa che so fare da sempre.
Non posso dirvi come faccio,
perché non lo so nemmeno io.
Ma mi capita sempre quando mi arrabbio, quando ci vedo rosso…
Allora mi viene un gran caldo dappertutto…
Poi all’indice della mano destra sento un formicolio terribile…
E improvvisamente si sprigiona una specie di lampo, un lampo rapido, come qualcosa di elettrico.
Salta fuori e tocca la persona che mi ha fatto arrabbiare…”

Roald Dahl non sbaglia un colpo e con questa storia, anche se molto breve, ci ha dato la possibilità di vedere come sarebbero le cose se vissute al contrario, quando i suoi amici e la famiglia Paper, grandi cacciatori, si ritrovano a dover subire quello che loro fanno subire alle vittime della loro caccia.

Come al solito ci ha fatto riflettere e mai come in questo momento, i miei figli hanno chiesto la possibilità di avere un dito magico con cui poter far finire le guerre che ci sono oggi.

Consiglio tantissimo questo libro, permette di fare delle belle riflessioni.

dieci

Se anche tu lo hai letto e vuoi dire la tua non esitare e commenta qui sotto!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *