Recensione Il patto di Miss Black

Con la Recensione di oggi vi portiamo in un mondo futuro, stiamo parlando de Il patto di Miss Black. Andiamo a vedere di cosa parla nello specifico!

Le altre nostre recensioni sui libri di Miss Black sono:

Recensione Il patto di Miss Black

Titolo: Il patto Link Amazon
Autore: Miss Black
Editore: Self publishing
Data di uscita: 12 agosto 2021
Pagine: 112
Narrazione: Prima persona, doppio pov
Finale: conclusivo

Sinossi

Tra le ventiquattro tribù delle Forze Congiunte dell’Alleanza è stato stipulato un Patto: tutti i primogeniti si impegnano a sposare il membro di un’altra tribù, sorteggiato in modo casuale tra persone “compatibili”, e a generare due figli di sangue misto. Il sistema è nato per rafforzare i legami tra popoli un tempo nemici, ma ora impegnati in una sanguinosa guerra interplanetaria contro un avversario comune, una specie aliena e spietata.

I matrimoni combinati del Patto non sono privi di svantaggi, ma sono anche matrimoni a tempo. Una volta fatto il proprio dovere, i due componenti della coppia possono tornare alla propria vita.
Sarebbe anche il piano di Risah, a cui è stato assegnato come marito un soldato di Surraja, pianeta desertico e culturalmente arretrato, che però ha almeno il pregio di essere impegnato in guerra e avere poco tempo per lei.

Al di là di questo, Maren è moralista, tradizionalista e pieno di pregiudizi sulle donne, specie sulle donne indipendenti come Risah.
Certo, è bello, sexy, virile. Ma la virilità non basta a renderlo un partner passabile, anzi è solo un altro problema.

La loro unione a distanza è scandita da incontri rari e disastrosi, che sembrano preludere a uno scioglimento ben prima che il Patto sia rispettato. Come possono trovare un equilibrio due persone così diverse, che presto arrivano a detestarsi a vicenda?

Recensione di Giulia

Risah vive sul pianeta Narja con suo padre e sua sorella minore, ma sa che il suo destino sta per cambiare. Infatti deve onorare il Patto, essendo la primogenita deve sposarne un altro proveniente da un altro pianeta e scelto a caso per lei.
Un giorno le arriva un videomessaggio da quello che sarà il suo futuro marito: Maren, un uomo di ventisette che è impegnato nella guerra che si sta facendo in alcuni pianeti lontani.

I due si sposeranno da lontano ma il Patto pretende che debbano vedersi per poter procreare almeno due figli insieme prima che possano riprendere ognuno la propria vita.
A causa della guerra Risah e Maren riusciranno a vedersi solo qualche mese dopo il matrimonio su un pianeta a metà strada tra i due.

“«Onorevole famiglia Andorr della tribù dei Narja… Onorevole Risah Andorr, mia legittima consorte. Mi rivolgo a voi secondo le usanze dell’Antico Popolo, per rendere definitivo e vincolante il legame tra le nostre due famiglie». Risah si rese conto che aveva qualcosa tra le mani e che stava leggendo. Il che era confortante, perché significava che sapeva leggere.”

Sebbene durante questo periodo si sono mandati messaggi a vicenda e sembrassero andare abbastanza d’accordo, il loro incontro non è proprio dei migliori. Questo, soprattutto a causa della mentalità retrograda di lui a livello sessuale. Ma purtroppo non possono tirarsi indietro dato che quello che dice il Patto è sacro. Riusciranno i due protagonisti a trovare un modo per andare d’accordo?

“Un marito. Risah non sentiva la minima necessità di un marito, per lo più di un marito sconosciuto e di un mondo lontano. Ma era suo dovere, quindi si sarebbe adattata.”

Secondo libro che leggo di Miss Black e confermo il fatto che mi piace molto la sua scrittura, questa autrice riesce a mettere nero su bianco una storia ben sviluppata in poco più di cento pagine.
Molto carina anche l’ambientazione futuristica dove ogni mondo è diverso sia come paesaggi che come cultura del popolo in cui ci vive e Risah e Maren ne sono l’esempio lampante.

Entrambi i personaggi sono ben caratterizzati anche se Maren non mi è piaciuto molto con le sue insinuazione e la sua mentalità che mi ha fatto storcere il naso più di una volta.

“«Se intendi proseguire, vediamo di farlo. In caso contrario mi sono portata un libro.»
«Sei senza pudore».
«Sì, è terribile: mi piace leggere»”

In conclusione, consiglio il libro più che altro per l’ambientazione futuristica che è alquanto originale e perché è una lettura abbastanza veloce!

Se anche tu lo hai letto e vuoi dire la tua non esitare e commenta qui sotto!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.