Recensione The love hypothesis di Ali Hazelwood

Con la Recensione di oggi vi parliamo di un libro diventato famoso in poco tempo e che praticamente tuti ormai hanno letto Sto parlando di The love hypothesis di Ali Hazelwood. Andiamo a vedere di cosa parla!

Recensione The love hypothesis di Ali Hazelwood

Titolo: The love hypothesis. Il teorema dell’amore Link Amazon
Titolo originale: The love hypothesis
Serie: The Love Hypothesis #1
Autore: Ali Hazelwood
Editore: Sperling & kupfer
Data di uscita: 21 giugno 2022
Pagine: 326
Narrazione: Terza persona, pov femminile
Finale: conclusivo

Serie The Love Hypothesis:
01. The Love Hypothesis
02. Love on the brain

Sinossi

Dottoranda in Biologia, Olive Smith crede nella scienza, non nell’amore. Non le è mai importato granché di avere una relazione e di sicuro non le importa di Jeremy, un ragazzo con cui è uscita un paio di volte in tutto. Si dà il caso, però, che lui piaccia da morire alla sua amica Anh, ed è proprio per convincere quest’ultima che Jeremy appartiene al passato che Olive una sera bacia il primo ragazzo incontrato in laboratorio, fingendo che sia il suo fidanzato.

Costui, però, si rivela essere Adam Carlsen, giovanissimo professore sexy, noto per comportarsi sempre da tiranno con tutti. Per questo Olive rimane a bocca aperta quando lui accetta di reggerle il gioco con l’amica, rivelandosi una persona affascinante e gentile. All’improvviso, un appuntamento finto dopo l’altro, il mondo di Olive viene stravolto, tanto che è costretta a mettere il suo cuore sotto un microscopio e ad analizzare i suoi sentimenti per Adam. Riuscirà a comprendere che il teorema dell’amore non segue alcuna dimostrazione?

Recensione di Giulia

Olive è una ragazza di ventitré anni che vuole iniziare il suo Dottorato in Biologia e sta per avere un colloquio in quell’Università. A causa di un problema con le lenti a contatto, si rifugia in un bagno cercando di risolverlo, ma lì incontra un altro ragazzo, lei non riesce a vederlo ma i due chiacchierano un po’ e da quella discussione Olive riesce a trovare quella sicurezza che le mancava.

Sono passati quasi tre anni da quell’episodio e Olive è nel pieno del suo dottorato, ha due amici fantastici Anh e Malcom è un obiettivo da perseguire. Quando, però, si accorge che tra Anh e il suo ex ragazzo Jeremy c’è un feeling ma Anh è decisa a non provarci proprio perché lui era stato con la sua migliore amica e Olive decide di farle credere che lei in realtà è andata avanti.

Il suo piano è quindi di baciare il primo che capita proprio quando Anh è nei paraggi, peccato però che quel qualcuno sia Adam Carlsen, un giovane professore conosciuto per la sua perfidia. Olive cerca di spiegargli il motivo della sua “aggressione” e tutto sembra essere finito qui. L’ultima cosa che Olive poteva immaginare è che Adam decida di aiutarla in questa folle finzione.

“L’Uomo del Bacio, d’altra parte, era in piedi proprio davanti a lei, con le labbra socchiuse, il petto che si alzava e una strana luce tremolante negli occhi, e quello fu il preciso istante in cui Olive capì l’enormità di ciò che aveva appena fatto. Di chi aveva appena… Fanculo alla sua vita.
Fanculo. Alla. Sua. Vita. Perché il professor Adam Carlsen era uno stronzo patentato.
Chiunque sapeva che era un coglione lunatico, odioso e terrificante. E Olive lo aveva appena baciato.”

Quando ho saputo che questo era uno di quei libri che ha avuto subito un successo planetario su TikTok e che era il primo libro scritto da questa autrice, ero un po’ indecisa se leggerlo o meno dato che di solito si rivelano parecchio deludenti. Invece mi sono dovuta ricredere, tant’è che sono riuscita a leggerlo tutto in poco più di ventiquattro ore, un vero record per me.

La storia è molto carina e l’ambientazione davvero originale, il fatto che l’autrice sia un’importante scienziata ha aiutato a creare un’ambiente “vero” e si sa che le fake relationship creano sempre situazioni divertenti.
Che dire poi dei personaggi? Sono davvero troppo teneri. Adam per tutti appare come un tiranno crudele che boccia solo per puro piacere ma che in realtà non sa gestire bene le proprio emozioni e tiene molto che gli altri facciano un bel lavoro. Olive è l’unica che riesce a saperlo prendere, tant’è che riesce persino a farlo sorridere più volte durante la loro finta relazione.

Olive è una di quelle persone splendide e incredibile ma che non sanno di esserlo, oltre che non saperlo però si sentono anche inferiori agli altro tanto che basta che qualcuno glielo dica e loro ci credono. In questo racconto lei matura molto in questo senso, capendo quanto vale grazie anche all’aiuto di Adam.
Menzione speciale va data anche ai personaggi secondari che sono stati utilissimi alla storia ma anche molto ben caratterizzati.

“-Vorrei che tu potessi vederti come ti vedo io.-“

Ho avuto gli occhi a cuoricino per tutto il tempo durante la lettura di questo libro che sì, è leggero, ma anche colmo di emozioni contrastanti. Davvero tanto di cappello a Ali Hazelwood perché per essere il primo libro che scrive è andata davvero alla grande, meglio anche di alcune colleghe veterane.
Ne consiglio a tutti la lettura e io non vedo l’ora che esca anche il secondo, sperando che sia altrettanto bello!

Se anche tu lo hai letto e vuoi dire la tua non esitare e commenta qui sotto!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.