Recensione Mr zuppa Campbell il pettirosso e la bambina di Fannie Flagg

Mr zuppa Campbell il pettirosso e la bambina di Fannie Flagg

La recensione che vi proponiamo oggi vi parla di Mr zuppa Campbell il pettirosso e la bambina di Fannie Flagg edito da Bur. Andiamo a scoprire subito cosa ne pensiamo.

Patricia Neal, meglio conosciuta come Fannie Flagg è una scrittrice e attrice statunitense. È dichiaratamente omosessuale e nei suoi romanzi è possibile trovare riferimenti a situazioni, personaggi e relazioni LGBT.
È molto conosciuta come autrice del bestseller internazionale Pomodori verdi fritti al caffè di Whistie Stop di cui ha curato anche la trasposizione cinematografica in Pomodori verdi fritti alla fermata del treno film molto celebre del 1991 premiato anche con una nomination all’Oscar per la migliore sceneggiatura non originale. Nel libro l’autrice si sofferma sulla tenera relazione che c’è tra le due protagoniste, ma che poi nel film viene molto ammorbidita e appena accennata per non danneggiare il film dal punto di vista commerciale.

Questo articolo è acquistabile con il Bonus Cultura e con il Bonus Carta del Docente quando venduto e spedito direttamente da Amazon. Sono esclusi prodotti di Venditori terzi sul Marketplace di Amazon. Verifica i termini e condizioni dell’ iniziativa Bonus Cultura 18app e di Carta del Docente.

Mr zuppa Campbell il pettirosso e la bambina di Fannie Flagg

Titolo: Mr zuppa Campbell, il pettirosso e la bambina Link Amazon
Titolo originale: A Redbird Christmas
Autore: Fannie Flagg
Editore: Best Bur
Genere: Narrativa Contemporanea
Data di uscita: 26 Ottobre 2017
Pagine: 235
Narrazione: Terza persona
Finale: Conslusivo

Sinossi

L’inverno è alle porte e l’anziano Mr. Campbell (orfano dalla nascita, porta il nome della famosa minestra pronta perché, quando lo ritrovarono, nella culla ne aveva accanto una lattina), viene avvertito dal medico che se non cambierà clima non vedrà la primavera. Allora lui fa le valigie per Lost River, Alabama, diretto a un albergo che potrebbe fare al caso suo. Quando arriva scopre che l’albergo è andato a fuoco, ma viene accolto dalla piccola comunità del villaggio. E da una bambina che va in giro scalza, zoppica e gioca tutto il giorno con un pettirosso. Anche lei, come Mr. Campbell, non conosce la data del suo compleanno… Una storia dolce come la crostata dall’autrice di “Pomodori verdi fritti”.

Recensione di Gabriella

Oswald P. Campbell è un anziano che alle porte dell’inverno, durante una sua consueta visita medica che fa per la sua assicurazione e la pensione di invalidità, gli viene detto che se non si trasferisce in un posto più caldo dalla gelida Chicago, rischia di non arrivare a Natale, vista già la precaria situazione dei suoi polmoni. Il medico gli fa vedere così un vecchio opuscolo pubblicitario di questa cittadina dell’Alabama che si chiama Lost River, il quale promette un clima molto mite. Nel momento stesso in cui Mr. Campbell arriva a Lost River si rende conto di essere arrivato in un altro mondo. Riuscirà ad inserirsi nella routine di questa cittadina? Cosa unisce Mr. zuppa Campbell con un pettirosso (che pettirosso non è) e una bambina?

“Trascorrere qualche mese in questa regione ha restituito la salute e aperto nuove prospettive di vita a molte persone affette da tubercolosi, reumatismi, malattie nervose, esaurimento e affaticamento. L’influenza delle brezze saline del Golfo vi metterà appetito anche se sono anni che mangiate controvoglia. […]”

Volevo leggere questo libro un po’ perché me lo avevano consigliato, un po’ perché lo avevo nella mia lista infinita dei libri da leggere e poi perché sono finalmente riuscita a farlo inserire tra i libri da leggere nel gruppo di lettura della biblioteca del mio comune. Devo dire che è stata una lettura molto scorrevole e piacevole anche se quando si trattava di Patsy un po’ rabbrividivo, ma la sua ambientazione mi ha fatto venir voglia di andare a visitare l’Alabama in qualsiasi momento dell’anno.

“Di sera, quando chiudeva e andava a casa, Roy lasciava spaziare l’uccellino in negozio perchè potesse averlo tutto per sè e spaziare in lungo e in largo finché voleva. E quello spaziava. Una mattina Roy scoprì che si era fatto strada a beccate all’interno di una scatola di Cracker Jack e stava saltellando con un pezzo di biscotto appiccicato al becco. Roy glielo tolse e rise. A quell’assurdo animale piacevano i Cracker Jack! Da quel momento in poi lo chiamò Jack. […]”

I personaggi mi sono piaciuti tutti. Oswald per le sue fragilità; Patsy mi ha fatto tantissima tenerezza per il suo stato sia fisico che per la sua condizione familiare, anche io l’avrei presa con me senza remore; le sorelle Cleverdon, così come Roy, tutti gli abitanti di Lost River li ho trovati molto congeniali e mi hanno fatto sperare di andare in una cittadina così. Mi sono sentita a casa come Oswald. Cosa dire di Jack, questo uccellino che la fa quasi da protagonista, un Cardinale che conquista tutti e che instaura con Patsy un rapporto unico.

“La prima volta che l’aveva vista era stato qualche settimana prima, e allora era stata solo la sommità di una testolina bionda emersa lentamente a sbirciare dalla vetrina laterale, con gli occhioni blu fissi su Jack che correva nella sua ruota di plastica facendo tintinnare i campanelli. Ma, appena aveva visto Roy, era sparita nel nulla. Roy era addirittura uscito a cercarla, senza successo. Da allora era tornata ancora qualche volta, ed era sempre la stessa cosa: appena incontrava lo sguardo di Roy, si dileguava.”

La storia è molto carina, viene descritto in maniera accurata e così bene il modo di vivere e i rapporti che si intrecciano all’interno di Lost River che mentre leggevo mi sembrava di trovarmi anche io lì con loro e di far parte di quella comunità.

Consiglio questo libro a chi vuole uscire dalla propria quotidianità per trovarsi leggendo “a casa”.

nove

Se anche tu lo hai letto e vuoi dire la tua non esitare e commenta qui sotto!

Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato Facebook – Instagram

Torna alla Home – Torna a Recensioni

Anche noi siamo affiliate Amazon, acquistando tramite il nostro link non ci fai diventare ricche e a te non cambierà il prezzo, ma ci aiuti a farti avere sempre delle nuove recensioni.

Articoli consigliati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *